La grande vendita della settimana su Sedo è stata MikiHouse.com, ceduto per 224.224: si tratta di un dominio registrato fin dal 1999 e sorprendentemente scaduto due volte, in precedenza. Ma per quanto la vendita possa essere strana, si tratta di un grande upgrade per l’acquirente, che parte da un precedente dominio .COM.

Il compratore è la MIKI SHOKO CO. Ltd, azienda giapponese. E secondo il loro sito, Miki Hose vende “moda premium per bambini dal 1971”. L’attuale indirizzo web della loro attività globale è Mikihouse-usa.com, che dal punto di vista di un domainer è orribile. Ma è più stupefacente sapere che l’azienda non possiede il dominio www.mikihouseusa.com, di proprietà di un’azienda di Staten Island.

Il sito principale dell’azienda è un dominio .jp, il CCTLD del Giappone: mikihouse.co.jp. Secondo il loro sito,

“MIKI SHOKO CO LTD è leader giapponese per la produzione e vendita di abbigliamento, scarpe ed accessori per i bambini. Fondata nel 1971 ad Osaka, Giappone, l’azienda ha aperto il primo MIKI HOUSE store a Kyoto nel 1978. E nel 1987, Miki House ha avviato la propria espansione, aprendo negozi in location dello shopping di lusso come St. Honore a Parigi, Via Montenapoleone a Milano, Harrods a Londra e Bloomingdale’s. Attualmente, gestisce più di 300 store in Giappone e altri 50 fra Parigi, Milano, Londra, Mosca, Vancouver, Turchia, Ucraina, Cina, Hong Kong, Singapore, Corea del Sud e Stati Uniti”.