All’inizio di questa settimana su Sedi si è svolta una transazione da 100.000 dollari per il dominio Autism.rocks. Si tratta di un ottimo prezzo spuntato per un dominio che è su un nuovo gTLD, e sia il venditore che il compratore sono impegnati nella difesa delle persone con l’autismo.

Ciò che è interessante della transazione è che il venditore ha affermato di esser stato condotto, da Sedo, ad una transazione a pagamento, con una commissione del 15%, anzichè un escrow con commissione del 3%.

Sedo però ha prontamente esaminato la questione, e sembra che le comunicazioni fra Sedo e il venditore sono avvenute sulla chat del servizio Ed ecco ciò che dice la società:

 

“Noi prendiamo sul serio i reclami, e abbiamo subito analizzato i protocolli di chat che mostrano la comunicazione tra il venditore e il nostro specialista Customer Care.

Ecco quello che dai nostri dati risulta: Il venditore ci ha detto via chat di un’offerta che aveva ricevuto, e voleva sapere come mettere in vendita il dominio. Egli ha anche chiesto che cosa fare se si riceve un’offerta e se può rifiutare un’offerta. Queste sono domande tipiche degli utenti che vogliono iniziare a mettere in vendita i nomi di dominio sul nostro marketplace. Il venditore non ha menzionato di avere già un accordo con un acquirente, e di essere solo alla ricerca di un servizio di trasferimento.

Se lo avesse detto, il nostro specialista del Servizio Clienti gli avrebbe indicato il nostro Servizio Transfer esterno. Siamo in contatto diretto con il venditore e insieme stiamo per analizzare il processo sui potenziali errori e come procedere per non ripeterli.