Una commissione composta da un unico membro del WIPO ha interrotto una procedura UDRP avviata da Staedtler Mars GmbH per il nome di dominio Fimo.CLUB. L’azienda tedesca ha avviato la procedura in quanto produttrice di una pasta modellabile, popolare fra gli hobbisti, chiamata FIMO.

La parte resistente è un distributore indipendente del prodotto, che si occupa della commercializzazione dello stesso a differenti compagnie, la quale ammette di star registrando diversi domini per avviare un sito web per i fan. Brigitte Joppich, parte della commissione, ha detto che il dominio non è stato registrato né utilizzato in malafede, dando così il beneficio del dubbio all’azienda che aveva registrato il sito.

La parte resistente ha infatti risposto alla parte attrice, non ha fornito dettagli di contatto falsi e non ha provato a nascondere la propria identità. Proprio per via dei fatti citati sopra, e per la iscrizione del resistente, la commissione stabilisce che la parte attrice non è riuscita a dimostrare la registrazione o l’utilizzo del dominio in cattiva fede.  

Il claim, secondo la Joppich, era prematuro, in quanto “è comprensibile che la parte resistente utilizzerà il dominio contestato senza cercare di trarre profitti in malafede dall’utilizzo del marchio FIMO, e la commissione può tranquillamente affermare che, in questo caso, la parte attrice ha aperto la procedura UDRP prematuramente.

La Joppich ha comunque esplicitato che, qualora la parte resistente, in futuro, dovesse usare il dominio disputato in cattiva fede, in futuro potrà comunque essere aperta una nuova procedura UDRP.